fbpx

Pannello fotovoltaico da balcone

La soluzione plug and play

Impianto plug and play: il pannello facile e conveniente per condomini, pareti e balconi.

Se siete alla ricerca di una soluzione semplice ed efficiente per produrre energia pulita in un condominio, o senza uno spazio a disposizione sufficientemente grande per un impianto domestico tradizionale, sei nella pagina giusta. 
Fino a qualche anno fa gli impianti fotovoltaici erano destinati esclusivamente ai tetti delle abitazioni indipendenti. Oggi, grazie alla maggiore efficienza degli impianti e all’abbattimento dei costi di produzione, c’è una soluzione per tutti. Anche per gli appartamenti, per chi ha solo una parete o un piccolo balcone a disposizione o per le seconde case dove consumiamo solo in specifici periodi dell’anno.

Pannello fotovoltaico balcone

Le batterie, è bene ribadirlo, sono importanti anche perché l’energia in surplus venduta alla rete elettrica nazionale viene pagata ad un prezzo notevolmente inferiore rispetto al costo che noi sosteniamo in bolletta. L’energia che produciamo in surplus durante il giorno e che vendiamo ci viene pagata dal GSE meno di 10 centesimi al kilowattora, mentre l’energia prelevata dalla rete di sera ci costa in media 50 centesimi al kWh nel mercato tutelato. È proprio questo gap a certificare l’importanza dell’accumulo di energia nel nostro impianto.

Indice
    Add a header to begin generating the table of contents

    Cosa sono i pannelli fotovoltaici da balcone?

    Iniziamo col dare il giusto nome alle cose. Gli impianti di questo tipo si chiamano plug&play, letteralmente “collega e usa”.
    Si chiamano così perché sono sistemi solari facili da installare e utilizzare, pensati per chiunque desideri sfruttare l’energia del sole in modo immediato e senza la necessità di interventi complessi. 
    L’impianto plug and play è composto da pannelli fotovoltaici che funzionano esattamente come tutti gli altri impianti, ma hanno la caratteristica di avere una potenza limitata, inferiore ai 350 W, e di essere collegai solo con una normale spina all’impianto elettrico di casa.

    L’impianto plug and play è formato da:

    Modulo fotovoltaico
    Modulo fotovoltaico

    il pannello vero e proprio, che può essere monocristallino o policristallino con potenza attiva nominale inferiore o uguale a 350 W

    Micro inverter
    Micro inverter

    per convertire la corrente continua prodotta dal pannello in corrente alternata utilizzabile nell’impianto elettrico domestico

    Telaio di supporto
    Telaio di supporto

    e staffe di fissaggio e ancoraggio, per facilitarne l’installazione su balconi, terrazzi, giardini, pareti esterne della casa o recinzioni

    Quali sono i vantaggi degli impianti fotovoltaici plug&play?

    Semplicità di installazione, versatilità e praticità sono certamente 3 aggettivi cuciti su misura per questo tipo di impianti. Ma c’è un 4 elemento da aggiungere: zero burocrazia.
    Gli impianti plug and play non sono soggetti a permessi, autorizzazioni o atti amministrativi di assenso. Per diffondere tale tecnologia infatti l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (Arera) ha introdotto delle procedure di connessione semplificate.
    È però opportuno verificare che non siano presenti vincoli architettonici o paesaggistici sul proprio palazzo o sulla propria abitazione (per esempio nel caso di dimore nei centri storici)

    Quali sono i costi, gli incentivi e i risparmi di un impianto fotovoltaico plug and play?

    Chiariamolo subito, l’impianto plug and play non sarà mai in grado di produrre abbastanza energia per tutta la nostra casa, dobbiamo considerarlo come un validissimo supporto ai consumi specie per quegli elettrodomestici sempre in funzione. 

    Aggiungiamo che l’attuale normativa non prevede la possibilità di installare batterie di accumulo per questa tipologia di impianti quindi è di giorno, ossia quando la produzione del pannello è massima, che dobbiamo attivare gli elettrodomestici più energivori.

    Se correttamente orientato e installato con la giusta inclinazione, un pannello fotovoltaico dalla potenza nominale di circa 300 W (+/- 10%) è in grado di produrre circa 450 kWh di energia elettrica l’anno con un risparmio sulla bollette elettrica che può arrivare a circa 20%. Secondo le stime di Altroconsumo, il risparmio attuale in bolletta si aggirerebbe intorno ai 96 euro a bolletta.

    Il pannello fotovoltaico plug and play ha un range di prezzo che va dai 300 agli 800 euro, IVA inclusa. 

    Gli incentivi statali consentono un rimborso del 50% della spesa effettuata, da portare in detrazione nella propria dichiarazione dei redditi in dieci quote annuali di pari importo.

    Considerando dunque costi, risparmi e inventivi per ammortizzare l’investimento ci vogliono intorno ai 2-3 anni. In media questi pannelli fotovoltaici durano 15/25 anni quindi si hanno poi davanti 12-22 anni di risparmi puri.

     

    Ah, ma che differenza c’è tra un impianto plug and play e un mini fotovoltaico?

    Come abbiamo visto gli impianti plug & play sono di solito composti da un unico pannello con una potenza nominale non superiore a 350 W e sono collegati direttamente all’impianto alla presa di corrente.

    I kit fotovoltaici sono, invece, dei mini impianti fotovoltaici composti da più pannelli e con una potenza compresa tra i 350 e gli 800 W. Ciò comporta anche una differenza sostanziale, questi sistemi richiedono un circuito dedicato, non basta dunque attaccare i pannelli alla presa elettrica, ma vanno collegati al quadro elettrico. Tale conformità deve essere certificata da un elettricista che deve compilare uno schema unifilare che deve essere allegato alla Comunicazione Unica al Distributore.

    Noi della Tecnogreen effettuiamo consulenze gratuite telefoniche anche per gli impianti plug and play e per i mini fotovoltaici. Faremo insieme una diagnosi energetica dei vostri consumi per poi indicarvi la soluzione migliore per le vostre specifiche esigenze. Chiamaci al numero +39 0639744057 o scrivici all’indirizzo mail info@tecno.green.

    Torna in alto
    ×